La Madonna in Maestà degli Ognissanti di Giotto e la Madonna in Maestà di Simone Martini : due passi verso l’Umanesimo a confronto. Analisi delle opere


Crea sito
Anche se nella Madonna in Maestà di Simone Martini c’è già un certo distacco dal mondo bizantino, la vera rivoluzione si ha con Giotto: in particolare con la Madonna in Maestà degli Ognissanti di Giotto la pittura entra prepotentemente nell’Umanesimo. A questo proposito è interessante il confronto tra la Madonna in Maestà di Simone Martini e la Madonna in Maestà di Giotto.

Madonna in Maestà, Simone Martini

Simone Martini –Madonna in Maestà- Sala del Consiglio Palazzo Pubblico di Siena La Madonna in Maestà, di Simone Martini è un grande affresco (970x763 cm), dipinto nel 1313-1315 nella sala del Consiglio del Palazzo Pubblico di Siena, dove si trova tutt'oggi. Fin da quest'opera Simone Martini mostra di differenziarsi dalla pittura a lui precedente per la squisita commistione di delicatezze e raffinatezze gotiche: le preziose vesti e l’atteggiamento distaccato della Madonna in Maestà (non guarda lo spettatore), il trono cuspidato e il baldacchino da cerimonia. L’eleganza delle figure componenti la folla rimanda all 'aggraziato ideale cavalleresco delle nuove tendenze maturate in Francia. Il trono cuspidato d’altronde è ispirato al gotico internazionale. Da un punto di vista stilistico le figure hanno il loro volume, sono realistiche, come quelle di Giotto, ma nello stesso tempo sono più esili, delicate, hanno pose leggiadre e indossano vesti raffinate. Si tratta di una pittura che concede ampio spazio all'ornamento, al dettaglio prezioso ed alla rappresentazione di oggetti di lusso,che in breve tempo si diffonderà in tutta Europa, contribuendo in maniera determinante alla nascita del Gotico internazionale.
Ma se in questo asseconda le tendenze dei tempi, la Madonna in Maestà se ne distacca per il senso della prospettiva e per la solidità delle immagini,che ricordala pittura di Giotto. La disposizione dei santi non segue una successione paratattica come nella pittura precedente, ma corre invece lungo delle linee diagonali parallele che convergono in profondità verso la scena centrale, la Madonna con il Bambino, dando un'illusione spaziale in prospettiva, accentuata anche dall’uso del chiaroscuro. In particolare il colore scuro del trono gli conferisce una certa solidità che attrae tutta l’attenzione verso le figure centrali, le quali emergono con un certo rilievo plastico che ricorda Giotto
Ma questo è solo un pallido accenno alla vera rivoluzione portata avanti dal maggiore talento naturale che la Storia della pittura abbia mai avuto: Giotto; la vera rottura con il passato è rappresentata dalla Madonna in Maestà degli Ognissanti di Giotto.
Qui Giotto dà veramente la misura del suo talento naturale e della sua visione anticipatrice del nuovo mondo. L’uomo, nella sua realtà vera e non idealizzato, é al centro del mondo :siamo nell’Umanesimo.

Madonna degli Ognissanti, Giotto

Giotto Madonna in Maestà degli Ognissanti- Galleria degli Uffizi Tempera su legno,325 x 204 cm.
La Madonna in Maestà è stata dipinta da Giotto intorno al 1310 per l’altare maggiore della chiesa degli Ognissanti a Firenze Se il suo famoso O, fatto senza compasso dimostra il grande talento naturale di Giotto,qui siamo davanti ad un vero miracolo e cioè alla creazione della prospettiva senza l’utilizzo dei calcoli scientifici del secolo successivo ma creata in maniera diretta ed immediata. Il trono di gusto gotico in cui si inserisce la figura possente e monumentale della Madonna in Maestà è disegnato con una prospettiva centrale. La Madonna è accerchiata da una schiera di Angeli e da quattro santi che si stagliano evidenziandosi plasticamente dal fondo oro.
Vediamo più nel dettaglio le innovazioni inserite da Giotto: il trono è rappresentato con la giusta prospettiva, e sebbene non sia ancora la prospettiva scientifica del '400 i personaggi sono persone reali, con le giuste proporzioni, compiono movimenti naturali, hanno espressioni naturali e un volume ben definito; anche i vestiti sono rappresentati con verosimiglianza: lasciano intravedere le forme del corpo.Basta vedere in particolare la plasticità del seno della Madonna,una vera rivoluzione per quei tempi . Le forme sia della Madonna in Maestà che del Bambino non sono astratte ed idealizzate ma sembrano prese da immagini popolari con il loro realismo e carnalità, dando così al popolo la possibilità di identificarsi sia nel figlio che nella propria madre. Naturalmente ci sono ancora alcuni elementi del passato che influenzano Giotto, ad esempio il colore dorato del fondo, che tende ad appiattire la prospettiva della scena e a renderla irreale, astratta, è tipico dell'epoca. Un altro elemento caratteristico della pittura medievale si riscontra nelle dimensioni diverse dei vari personaggi, le due figure principali, la Madonna col Bambino sono nettamente più grandi rispetto agli angeli ed ai santi, perché la grandezza rispecchiava l’importanza. Proprio questa distonia, però superata dalla potente immagine centrale, mostra tutta la forza del superamento del vecchio mondo da parte di Giotto e l’avvento dell’Umanesimo.

Giuseppe Tarditi



Argomenti correlati

Il segno dei tempi attraverso le donne nella pittura

La donna nell’Arte: il corpo, l’anima, l’oggetto di consumo

I ritratti di Marilyn Monroe di Andy Warhol

Andy Warhol. Campbell's soup. La pop art

Andy Warhol: Marilyn Monroe e Campbell’s Soup - Analisi delle opere e confronto iconografico

Dalì La Persistenza della memoria. Analisi, commento

La dimensione della memoria nelle arti figurative

Guernica. Picasso ed i principi fondamentali del cubismo

Guernica di Picasso: commento e significato

Picasso. Les demoiselles d’Avignon

Improvvisazione 26. Kandinsky

L’Urlo di Munch

L’urlo di Munch ed il grido di Eva nella cacciata dal paradiso terrestre di Masaccio

Analisi e commento dell’opera I papaveri di Monet

Monet: La cattedrale di Rouen. Analisi e commento dell’opera

Impressione al tramontare del sole di Claude Monet

Claude Monet: vita, opere, dipinti

Auguste Renoir . Le Bagnanti

Auguste Renoir. Le Grandi Bagnanti

Renoir. Ballo al moulin de la Galette

Egon Schiele e la Secessione Viennese. Vita, opere e caratteristiche pittoriche

Gustav Klimt . Il Bacio. Analisi dell’opera

Auguste Rodin . Il pensatore

Vincent Van Gogh: I mangiatori di patate

Van Gogh. Campo di grano con corvi

Espressionismo ed impressionismo. Da Van Gogh a Munch a Kandisky

Van Gogh. Vaso di girasoli. Analisi e significato dell’opera vaso di girasoli di van Gogh

Van Gogh.Notte stellata : analisi e significato dell’opera Notte stellata di van Gogh

Van Gogh. Il postino di Arles: analisi e significato del quadro di Van Gogh

Van Gogh . Autoritratto del 1889. Analisi e significato dell’opera

Van Gogh. Autoritratto con cappello di feltro grigio. Analisi e significato

Van gogh. Camera da letto ad Arles: analisi e significato dell’opera

Delacroix: analisi dell'opera La libertà che guida il popolo

Delacroix: vita, opere. Romanticismo, impressionismo, simbolismo

Francisco Goya . La Maja desnuda

Vermeer. Ragazza con l’orecchino di perla

Arcimboldo. Rodolfo II in veste di Vertunno

Rubens. Le Tre Grazie

CARAVAGGIO E VERMEER, il maestro di Delft: due personalità diverse che si incontrano nella Maddalena penitente e la Ragazza con il turbante

Tiziano. Venere ed Adone

I Prigioni di Michelangelo: analisi iconologica e commento

Adamo ed Eva di Lucas Cranach detto il vecchio Analisi dell’opera

La pittura del Correggio: un vortice di spiritualità e carnalità nelle cupole del Duomo e di S. Giovanni a Parma

Correggio. L’assunzione

Leonardo da Vinci. La Gioconda

Il Paesaggio nella Tempesta di Giorgione e nella Gioconda

La Primavera di Sandro Botticelli

La Madonna del parto di Monterchi. Piero della Francesca

Piero della Francesca. Madonna della Misericordia

Piero della Francesca. L’Annunciazione

Piero della Francesca. Vita ed opere

Piero della Francesca. La sua Vera Croce: il ritorno nel grembo materno

La Regina di Saba . Analisi dell’ opera

Il David di Donatello: analisi dell’opera e commento

Cappella Brancacci. Masaccio e Masolino Da Panicale: la cacciata dal paradiso terrestre e la tentazione di Eva

La Leggenda di S. Francesco, la Madonna degli Ognissanti di Giotto e della Maestà di Simone Martini: tre passi verso l’Umanesimo

Giotto : Storie di S.Francesco . La Basilica Superiore di Assisi

Il duomo di Colonia: imponente e magnifico esempio di arte gotica

I templi dorici in Magna Grecia ed in Sicilia

home