Crea sito

Picasso e cubismo. La dimensione della memoria nelle arti figurative
L'esempio del cubismo ed i principi fondamentali del cubismo e del cubismo sintetico

cubismo


Un esempio di cubismo
GUERNICA Picasso
cubismo, Guernica, Picasso

Cubismo
Picasso e cubismo. Nel 1910, Leon Werth a proposito del cubismo scrisse che le forme del cubismo di Picasso mostrano le “sensazioni e le riflessioni che sperimentiamo con il passare del tempo”. Per spiegare il concetto di cubismo nello stesso anno il pittore del cubismo Jean Metzinger affermò che negli esempi di cubismo dipinti di Braque “l’immagine totale si irradia nel tempo”. Poiché la filosofia di Bergson faceva intravvedere un’altra realtà parallela a quella che fino ad allora sembrava l’unica, anche l’arte si apre a nuove ricerche su cui poggia il cubismo. La nuova concezione del tempo soggettivo ed irregolare influisce, infatti, sul cubismo e Picasso, che, rappresentando contemporaneamente momenti diversi di una medesima scena, introduce per la prima volta in arte la variabile temporale.

Di seguito viene spiegata la percezione della realtà secondo Picasso e il cubismo.
Per il cubismo e Picasso è inutile riprodurre la realtà come la vediamo, perché non è in quella forma che la conosciamo, poiché la nostra coscienza rielabora l’immagine visiva dell’oggetto che conosciamo, quindi ciò che vediamo è solo un dato di partenza che, secondo il cubismo, verrà trasformato e rielaborato, più volte nel tempo, dalla nostra coscienza. A tale proposito è opportuno citare la frase di Zeno, protagonista de “La Coscienza di Zeno” di Italo Svevo: “il tempo che passa getta ogni momento un reagente”. La parola “reagente” deve essere letta nell’accezione più scientifica del termine, ossia come input di una trasformazione o reazione chimica, a seguito della quale il prodotto ingenerato è frutto dell’osmosi dei reagenti che non possono più essere recuperati integralmente nella loro forma originaria. Già l’impressionismo si era opposto alla meccanica riproduzione della realtà, ma solo il cubismo e Picasso in particolare ne ha cercato il significato, filtrandolo attraverso la propria interiorità, in quanto compreso ed interiorizzato dalla coscienza. Picasso e il cubismo vuole rendere la nostra conoscenza della realtà, non limitata all’aspetto di essa che appare al nostro occhio da un qualsiasi punto di vista, ma abbracciata totalmente. Secondo i principi del cubismo, quando vediamo un oggetto davanti a noi e lo percepiamo nelle tre dimensioni dell’ottica naturale, deformandone conseguentemente le proporzioni, sappiamo quali ne siano le misure reali, come sia fatto nei lati che sfuggono alla vista, perché la nostra conoscenza è costituita da precedenti esperienze, che, elaborate dalla ragione e memorizzate, ci permettono di capirlo e di riconoscerlo. Per restituire agli occhi e alla ragione l’essenza della realtà, il cubismo la scompone nelle sue innumerevoli facce e la ricompone accostando le une alle altre sulla superficie della tela. In questo modo, con un’apparente bidimensionalità, noi, secondo il cubismo, apprezzeremo globalmente la realtà, vedendola contemporaneamente da ogni lato possibile. Di conseguenza con il cubismo la rappresentazione tiene conto non solo di ciò che si vede in un solo istante, ma di tutta la percezione e della conoscenza che l’artista ha del soggetto che rappresenta. Se il Picasso e in genere il pittore del cubismo immagina di far ruotare fra le mani l’oggetto da rappresentare o se si tratta di una persona, di girarle addirittura intorno, non coglie un solo aspetto, necessariamente limitato, ma ne percepisce diversi in successione e quindi si muove nel tempo. In questo modo Metzinger pensava che la molteplice prospettiva del cubismo comprendesse la dimensione temporale: “un tempo un quadro prendeva possesso dello spazio, adesso regna anche nel tempo”. Per restituire agli occhi e alla ragione la realtà nella sua essenza, gli artisti del cubismo la scompongono nelle sue innumerevoli facce e poi la ricompongono accostandole sulla tela. Nella bidimensionalità della tela vediamo la realtà globalmente, come accade nella nostra coscienza, osservandola da tutti i lati possibili. Ad esempio nel “Ritratto di Ambroise Vollard” di Picasso c’è una confluenza in una sola immagine di una pluralità di momenti della percezione, che corrisponde ad altrettanti punti di vista, al fine di ottenere una visione complessiva, tipica del cubismo. La visione totale dell’oggetto e la sua riproduzione sulla tela non ci dà solo i vari aspetti del suo volume nello spazio, ma, poiché è frutto della nostra conoscenza attraverso la memoria, ci fornisce anche, e soprattutto, la permanenza dell’oggetto in sintesi nella nostra coscienza, infatti si parla di cubismo sintetico proprio per questo motivo.
Eros Tarditi




Argomenti correlati

LIFESTYLE

Il segno dei tempi attraverso le donne nella pittura

La donna nell’Arte: il corpo, l’anima, l’oggetto di consumo

I ritratti di Marilyn Monroe di Andy Warhol

Andy Warhol. Campbell's soup. La pop art

Andy Warhol: Marilyn Monroe e Campbell’s Soup - Analisi delle opere e confronto iconografico

Dalì La Persistenza della memoria. Analisi, commento

La dimensione della memoria nelle arti figurative

Guernica. Picasso ed i principi fondamentali del cubismo

Guernica di Picasso: commento e significato

Picasso. Les demoiselles d’Avignon

Improvvisazione 26. Kandinsky

L’Urlo di Munch

L’urlo di Munch ed il grido di Eva nella cacciata dal paradiso terrestre di Masaccio

Analisi e commento dell’opera I papaveri di Monet

Monet: La cattedrale di Rouen. Analisi e commento dell’opera

Impressione al tramontare del sole di Claude Monet

Claude Monet: vita, opere, dipinti

Auguste Renoir . Le Bagnanti

Auguste Renoir. Le Grandi Bagnanti

Renoir. Ballo al moulin de la Galette

Egon Schiele e la Secessione Viennese. Vita, opere e caratteristiche pittoriche

Gustav Klimt . Il Bacio. Analisi dell’opera

Auguste Rodin . Il pensatore

Vincent Van Gogh: I mangiatori di patate

Van Gogh. Campo di grano con corvi

Espressionismo ed impressionismo. Da Van Gogh a Munch a Kandisky

Van Gogh. Vaso di girasoli. Analisi e significato dell’opera vaso di girasoli di van Gogh

Van Gogh.Notte stellata : analisi e significato dell’opera Notte stellata di van Gogh

Van Gogh. Il postino di Arles: analisi e significato del quadro di Van Gogh

Van Gogh . Autoritratto del 1889. Analisi e significato dell’opera

Van Gogh. Autoritratto con cappello di feltro grigio. Analisi e significato

Van gogh. Camera da letto ad Arles: analisi e significato dell’opera

Delacroix: analisi dell'opera La libertà che guida il popolo

Delacroix: vita, opere. Romanticismo, impressionismo, simbolismo

Francisco Goya . La Maja desnuda

Vermeer. Ragazza con l’orecchino di perla

Arcimboldo. Rodolfo II in veste di Vertunno

Rubens. Le Tre Grazie

CARAVAGGIO E VERMEER, il maestro di Delft: due personalità diverse che si incontrano nella Maddalena penitente e la Ragazza con il turbante

Tiziano. Venere ed Adone

I Prigioni di Michelangelo: analisi iconologica e commento

Adamo ed Eva di Lucas Cranach detto il vecchio Analisi dell’opera

La pittura del Correggio: un vortice di spiritualità e carnalità nelle cupole del Duomo e di S. Giovanni a Parma

Correggio. L’assunzione

Leonardo da Vinci. La Gioconda

Il Paesaggio nella Tempesta di Giorgione e nella Gioconda

La Primavera di Sandro Botticelli

La Madonna del parto di Monterchi. Piero della Francesca

Piero della Francesca. Madonna della Misericordia

Piero della Francesca. L’Annunciazione

Piero della Francesca. Vita ed opere

Piero della Francesca. La sua Vera Croce: il ritorno nel grembo materno

La Regina di Saba . Analisi dell’ opera

Il David di Donatello: analisi dell’opera e commento

Cappella Brancacci. Masaccio e Masolino Da Panicale: la cacciata dal paradiso terrestre e la tentazione di Eva

La Leggenda di S. Francesco, la Madonna degli Ognissanti di Giotto e della Maestà di Simone Martini: tre passi verso l’Umanesimo

Giotto : Storie di S.Francesco . La Basilica Superiore di Assisi

Il duomo di Colonia: imponente e magnifico esempio di arte gotica

I templi dorici in Magna Grecia ed in Sicilia

home